Cos'è l'IGP L'Indicazione Geografica Protetta (IGP) è un marchio di origine che viene attribuito a quei prodotti agricoli o alimentari per i quali una determinata qualità, la reputazione o un'altra caratteristica dipende dall'origine geografica, e la cui produzione, trasformazione e/o elaborazione avviene in quell'area geografica determinata. Ha dunque lo scopo di proteggere esclusivamente le denominazioni di prodotti che risultano avere una caratteristica legata alla localizzazione geografica.



L'IGP si differenzia dalla Denominazione di Origine Protetta (DOP) per il fatto che, per il riconoscimento della DOP, tutte le fasi di produzione, trasformazione ed elaborazione devono avvenire nell'area geografica delimitata, mentre per l'IGP è sufficiente che la relativa qualità o reputazione possa essere attribuita all'origine geografica, mentre si ammette che parte del processo produttivo avvenga al di fuori di tale area.

I prodotti con marchio IGP sono regolati dalle norme del reg. CE n. 510/2006 e presuppongono, a garanzia del consumatore, un sistema di controllo e certificazione. Successivi Regolamenti CE e Decreti Ministeriali stabiliscono, poi, le modalità applicative, le procedure di registrazione ed i requisiti dei consorzi di tutela. Tra le produzioni iscritte al Registro IGP ricadenti sul territorio emiliano-romagnolo figurano la "Pera dell'Emilia-Romagna" (reg. CE n. 134/1998 e n. 515/2009) e la "Pesca e Nettarina di Romagna" (reg. CE n. 134/1998 e n. 701/2010).

Per aderire alla produzione di un determinato prodotto IGP è fondamentale conoscere e rispettare il relativo Disciplinare di Produzione.
Le varietà IGP
Abate Fetel Prodotte in Italia, in Emilia, durante il mese di settembre. La polpa succosa, bianca e fine, ha sapore dolce-acidulo, ed è estremamente profumata e gradevole.
Conference I frutti maturano nella prima metà di settembre ed assumono una colorazione verde-giallo bronzata, rossa all'insolazione, al tatto ruvida. La polpa è bianco avorio, fondente, dolce, succosa, molto aromatica.
Decana Matura nella prima metà di settembre ed i frutti sono tondeggianti, di colore verde-giallo, con presenza di lenticelle. La polpa è bianca, dolce, gustosa, fine, fondente, di qualità eccellente, dolcissima e profumata.
Kaiser La raccolta avviene nella seconda decade di settembre. Il frutto è grosso, la buccia è rugginosa su sottofondo giallo bronzeo e con numerose lenticelle evidenti. La polpa è bianco giallastra, consistente, appena granulosa, succosa, dolce-acidula, aromatica.
Max Red Bartlett è una mutazione "William", ma in questo caso la colorazione della buccia risulta di un brillante e attraente colore rosso carminio. La polpa è bianca, fondente, dolce-acidula e zuccherina, aroma moscato caratteristico, fine e compatta.
William I frutti si raccolgono a metà agosto e si presentano con la buccia liscia, giallo chiaro con qualche leggera sfumatura rossastra sulla parte del frutto esposta al sole. La polpa è bianca, fondente, zuccherina e dal tipico e inconfondibile aroma.
Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per la Regione Emilia Romagna 2007 – 2013
Organismo responsabile dell'informazione: Agrintesa Soc.Coop.Agricola
Autorità di gestione: Direzione Generale Agricoltura – Regione Emilia Romagna

Sostegno allo Sviluppo Rurale da parte del Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale (FEASR)